top of page

Il ciclocross, anzi il cross-country ciclopedestre, nacque in Francia fra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento quando, quasi per caso, Daniel Gousseau, soldato dell'esercito transalpino, invece di recapitare messaggi con il cavallo inforcò una bici e, superando saliscendi, fango e le insidie dei terreni di campagna, riuscì a compiere il proprio dovere. 

Nel dicembre del 1901 decise quindi di organizzare la prima gara e il 16 marzo 1902 venne disputato il primo campionato francese di questa nuova specialità. In Italia la corsa ciclopedestre sbarcò l'anno seguente, con la disputa a marzo 1903 della prima gara organizzata a Torino, nei boschi di Stupinigi, dall'Audax Club.

Per diversi anni nel nostro paese, pur risultando particolarmente divertente, il cross venne svolto dai ciclisti come attività preparatoria a quella su strada, disputato sporadicamente e senza un calendario preciso. Pian piano la febbre del ciclocross si estese al Belgio, alla Svizzera, al Lussemburgo e persino alla Spagna. In Italia il primo campionato italiano venne invece disputato a Bologna nel 1930 ed ebbe poi una cadenza annuale, giungendo sino ai giorni nostri con rarissime interruzioni. 

Il volume fortemente voluto e patrocinato da Fabio Sgarzi e Simona Pellacani, dirigenti della società "A favore del ciclismo", ha visto all'opera i giornalisti Gianni Marchesini e Carlo Fontanelli che, con l'aiuto di un organizzatissimo gruppo di lavoro, si sono messi a raccogliere documenti, immagini, cronache e cifre di una competizione che ha sempre attirato moltissimi sportivi ed appassionati. E' nato così il volume "Ciclocross Tricolore, la storia dei campionati italiani" la cui copertina è stupendamente illustrata dalla mano di Claudio Pesci che ripercorre un ideale volo sul fango lungo ormai quasi un secolo. Dopo aver ricostruito gli albi d'oro di tutte le categorie tricolori sino agli esordienti, l'opera si snoda anno per anno con il racconto, le immagini e i tanti documenti provenienti da pubblicazioni d'epoca che attualizzano ogni singola gara con gli ordini d'arrivo completi, le schede dettagliate dei vincitori e i riferimenti di carattere internazionale, non dimenticando gli atleti convocati in maglia azzurra per la disputa dei campionati mondiali che seguono sempre di poche settimane l'evento tricolore. Ecco quindi i successi, i podi e i piazzamenti iridati di campioni del calibro di Renato Longo, Americo Severini, Franco Vagneur, Vito Di Tano, Ottavio Paccagnella, Daniele Pontoni, Luca Bramati, Enrico Franzoi, Marco Aurelio Fontana, Gioele Bertolini e tanti altri atleti che si sono distinti negli anni in questa faticosa quanto appassionante specialità delle due ruote. L'opera si conclude con uno sguardo internazionale, elencando vincitori e piazzamenti di tutte le manifestazioni mondiali iniziate sin dal 1950. Di fatto l'antipasto ad altri lavori che saranno destinati a narrare più specificamente le vicende dei campionati italiani femminili e quelle delle più importanti manifestazioni internazionali come gli Europei e i Mondiali.

Ciclocross tricolore, la storia dei campionati italiani - Volare sul fango

SKU: 0661
€ 24,90Prezzo
  • Autori: Carlo Fontanelli, Gianni Marchesini

    Anno di edizione: 2024

    Formato copertina: Cartonato lucido con rilegatura

    Pagine: 288

    Dimensioni (altezza, larghezza, costola): 29,7 x 21 x 2 cm

    ISBN: 9788869991349

Prodotti correlati